martedì, Giugno 25, 2024

SACCO (M5S): “ALLAGATA L’AREA FRA BOSCO MARENGO E NOVI LIGURE GIUDICATA “IDONEA” DA SOGIN AD ACCOGLIERE IL DEPOSITO NAZIONALE DELLE SCORIE NUCLEARI. NON TENERNE CONTO È IMPERDONABILE”

Apprendiamo con sconcerto da fonti di stampa quanto accaduto nelle scorse ore fra Bosco Marengo e Novi Ligure, con l’area giudicata “idonea” da Sogin ad ospitare il deposito nazionale delle scorie nucleari che risulta allagata per le piogge degli ultimi giorni. Quanto accaduto è preoccupante e pone seri interrogativi sui criteri utilizzati da Sogin per stilare l’elenco delle 51 aree idonee in tutta Italia (cinque delle quali proprio nell’alessandrino). Non è infatti un segreto che quella zona sia soggetta ad allagamenti, come sottolineato nelle relazioni presentate a suo tempo a Sogin da enti locali e associazioni. Di certo non un ottimo biglietto da visita per realizzare un deposito di scorie nucleari…

È necessaria una riflessione più profonda sui luoghi individuati e, al contempo, va dichiarato inaccettabile qualsiasi tipo di autocandidatura. Il Piemonte non è idoneo ad ospitare il deposito, è sotto gli occhi di tutti. Come in altri Paesi europei, le scorie vanno stoccate lontano dall’acqua. E’ veramente incredibile che siano state individuate delle aree idonee in una piana con storici problemi di risalita della falda. Così facendo si rischia di trovarsi in fase di valutazione di impatto ambientale ad affrontare problemi insormontabili.

Questa è un opera che deve durare centinaia di anni e l’ammollo non è un sistema di conservazione particolarmente efficace, soprattutto quando parliamo di rifiuti radioattivi.

Sean Sacco, Consigliere regionale M5S Piemonte

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Popolari