mercoledì, Maggio 29, 2024

SACCO (M5S): “TERZO VALICO, LA REGIONE FACCIA LA SUA PARTE PER GARANTIRE CONDIZIONI DI SICUREZZA ADEGUATE AI LAVORATORI E SI ATTIVI PER LA PROCURA NAZIONALE DEL LAVORO. NON VOGLIAMO DOVER PIANGERE ALTRI MORTI”

La scorsa settimana un altro tragico incidente, con conseguenze mortali per un operaio, ha riacceso l’attenzione sulle condizioni di sicurezza nel cantiere del Terzo Valico di Giovi. Secondo fonti giornalistiche, l’esplosione potrebbe essere stata causata da una scintilla provocata dalle operazioni di lavoro in presenza di una sacca di gas rilasciata dalla roccia. Per questo motivo, le organizzazioni sindacali e lo Spresal stanno ponendo diversi interrogativi sulla mancata rilevazione della presenza di gas da parte dell’apposita strumentazione.
Quest’ultimo drammatico avvenimento non è purtroppo un accadimento isolato, ma solo l’ultimo di una lunga serie di incidenti gravi, anche mortali, che hanno interessato la realizzazione dell’opera fin dall’avvio dei lavori. I sindacati hanno più volte evidenziato gravi problematiche di sicurezza nei cantieri, richiedendo tavoli di confronto che prevedevano anche il coinvolgimento delle istituzioni regionali. Nei prossimi giorni presenteremo un’interrogazione in Consiglio regionale per chiedere alla Giunta cosa intenda fare per garantire ai lavoratori condizioni di sicurezza adeguate, soprattutto nei cantieri con maggiori criticità.
Il tavolo di confronto dovrà essere il primo passo, ma non l’unico. Sarà infatti fondamentale assicurare la presenza dei mezzi di soccorso nei cantieri 24 ore su 24, con medici pronti ad intervenire il più rapidamente possibile in caso di incidenti, così come richiesto dai sindacati.
Proprio su queste tematiche abbiamo depositato una mozione per impegnare la Giunta regionale a sensibilizzare il Parlamento in merito all’istituzione di una Procura nazionale del lavoro, un organo utile ad affrontare con indagini incisive e rapide le grandi tragedie che continuano a verificarsi e, al contempo, garantire la presenza di un pool di pubblici ministeri esperti nei procedimenti penali. Bisogna compiere una svolta: non più limitarsi ad operare a seguito di eventi e tragedie già consumate, ma svolgere azioni sistematiche di prevenzione e di controllo del rispetto delle norme.
Non vogliamo dover piangere altri morti.

Sean Sacco, Consigliere regionale M5S Piemonte

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Popolari