• lunedì , 21 Settembre 2020
Ultime Notizie

QUINCINETTO, VALETTI (M5S): “PONTE, ATIVA DOVEVA SISTEMARLO DAL 2007. PESANTI RESPONSABILITA’ DEL CONCESSIONARIO CHE ORA ADDOSSA LE COLPE AD UN COMUNE DI MILLE ABITANTI”

Ponte di Quincinetto (TO), allucinante scaricare le responsabilità su un comune di mille abitanti. Siamo alle solite, il concessionario ATIVA (maggioranza azionaria Gavio e Mattioda) non ha effettuato in tempo un’adeguata manutenzione ed ora il prezzo rischiano di pagarlo i cittadini. 

Già nella convenzione del 2007, resa pubblica grazie all’intervento del Governo, risulta il progetto per il ripristino del ponte sulla Dora Baltea per un costo di 2,2 milioni di euro. Nel 2012 l’intervento doveva essere già completato. Eppure non si è mosso nulla. Per un decennio ATIVA non è intervenuta ed ora vorrebbe sfruttare le proprie mancanze per far ricadere i costi, nel frattempo triplicati, sulle casse pubbliche. 

E’ inaccettabile che nonostante i continui aumenti dei pedaggi sull’autostrada A5 Ativa non sia intervenuta per mettere in sicurezza il ponte. Solo nel 2016 la società ha incassato un utile di esercizio di 20 milioni di euro a fronte di ricavi complessivi di 142 milioni di euro. Possibile che da oltre un decennio non siano stati trovati 2,2 milioni per sistemare il ponte? 

Ora assistiamo al patetico tentativo di ATIVA di addossare le colpe su una piccola amministrazione comunale. Presenteremo subito un’interrogazione in Consiglio regionale per sollecitare la Giunta a rivalersi su ATIVA affinché il ponte sia messo in sicurezza a spese del concessionario.

Non vorremmo che questo caso, del tutto strumentale, venga usato da ATIVA come clava per ottenere un’ennesima, lauta e generosa concessione sulla A5. Il tempo di questi giochetti è finito. 

Federico Valetti, Consigliere regionale M5S Piemonte

Vicepresidente Commissione regionale Trasporti

Post correlati