venerdì, Febbraio 23, 2024

GRUPPO (M5S): “CRISI INDUSTRIALE, GOVERNO MELONI GRANDE ASSENTE. TRANSIZIONE ECOLOGICA E INTELLIGENZA ARTIFICIALE LE  SFIDE DEL FUTURO, MA IL CENTRODESTRA È IMPREPARATO”

disabato sacco martinetti

Nessun esponente del Governo Meloni e nessun parlamentare con l’unica eccezione della nostra Chiara Appendino. Ha dato forfait persino il presidente Cirio. Il grande assente di questa mattina, al consiglio aperto sulle imprese in crisi in Piemonte, è stato il Governo Meloni. 

Ogni posto di lavoro perso è un’emergenza soprattutto nazionale oltre che locale. Per questo motivo le assenze di oggi sono un pessimo segnale che rivela quanto scarsa sia l’attenzione nazionale sul nostro Piemonte. 

A poche ore dall’annuncio di Stellantis di ulteriori tre settimane di cassa integrazione per oltre 2.200 lavoratori a Mirafiori, ci saremmo aspettati un Consiglio regionale diverso, con la Giunta Cirio pronta ad illustrare quanto si sta facendo, caso per caso, per risolvere le crisi aziendali. 

Nulla di tutto ciò. Oggi Cirio non ha presenziato per altri impegni istituzionali, ma il vero problema è non averlo visto ai presidi dei lavoratori e delle lavoratrici fuori dai cancelli di fabbriche e imprese. Dalla Regione Piemonte serve una presa di posizione forte nei confronti del Governo Meloni. 

In un contesto di crisi generalizzata, uno dei pochi settori con un trend positivo negli ultimi mesi è stato quello delle costruzioni. Lo dobbiamo alla misura principale voluta dal Governo Conte, il Superbonus, tanto criticato per motivi di convenienza politica ma su cui forse si sarebbe dovuto continuare a ragionare, visti i risultati concreti sull’economia e sull’ambiente. 

Così come si sarebbe dovuto lavorare per rendere funzionale il reddito di cittadinanza, una misura tacciata di assistenzialismo ma che, se attuata anche nella parte formativa (di competenza regionale), avrebbe potuto creare lavoro e aiutare migliaia di famiglie a sopravvivere alle crisi degli ultimi anni. 

Le sfide per il futuro sono chiare: transizione ecologica e intelligenza artificiale. Se il centrodestra continuerà ad avere un atteggiamento di rifiuto, saremo destinati a subire i cambiamenti anziché governarli da protagonisti. Le rivoluzioni vanno affrontate con un cambio di approccio, con una visione che guardi al futuro. Altrimenti ci troveremo fra 20 anni a dover convocare un altro Consiglio regionale aperto sulle crisi con una situazione persino peggiore di quella che stiamo vivendo oggi. 

Sarah Disabato, Capogruppo regionale M5S Piemonte

Sean Sacco, Consigliere regionale M5S Piemonte

Ivano Martinetti, Consigliere regionale M5S Piemonte

Sarah Disabato, Capogruppo regionale M5S Piemonte

Sean Sacco, Consigliere regionale M5S Piemonte

Ivano Martinetti, Consigliere regionale M5S Piemonte

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Popolari