• giovedì , 2 Luglio 2020
Ultime Notizie

LA REGIONE NON SI PRONUNCIA SULLA NUOVA DISCARICA DI SALMOUR. SUA RESPONSABILITA’ MANCANZA DI CRITERI PER INDIVIDUAZIONE SITI. SI PROCEDA PRIMA CON UNA BONIFICA

Foto da Stampa Cuneo

A Salmour (Cuneo) la controversia sulla bonifica di un territorio su cui è emersa la presenza di cromo esavalente sta già contrapponendo enti locali e privati. Abbiamo quindi chiesto all’assessore Valmaggia come mai si fosse insistito sulla stesso territorio per progettare la nuova discarica di rifiuti speciali e soprattutto se condividesse i criteri adottati dalla Provincia di Cuneo per l’individuazione del sito.
Un problema che non dovremmo affrontare se la Regione avesse corredato il piano rifiuti speciali dei criteri per l’individuazione dei siti di discarica, tuttora colpevolmente assenti.
Abbiamo poi esortato l’amministrazione regionale a prendere provvedimenti affinché si risolvano i problemi pregressi prima di progettare la nuova discarica.

Come auspicato dal sindaco e dalll’assessore competente di Salmour, chiediamo poi  che venga assunta quanto prima l’ordinanza per la bonifica e che il presidente della provincia consideri la volontà di ben 25 amministrazioni che si sono schierate contro la realizzazione della discarica.

Tuttavia oggi, in risposta a precisa interrogazione,  non abbiamo ricevuto una risposta chiara su una questione controversa che arriva direttamente dal territorio. Un problema nato dall’inandempienza della Regione Piemonte e che si concretizza in un caos autorizzatorio, dove le Province possono concedere autorizzazioni con criteri del tutto arbitrari.

Federico Valetti Consigliere Regionale M5S Piemonte

Post correlati