lunedì, Maggio 16, 2022

SACCO (M5S): “IL PIANO ENERGETICO AMBIENTALE È STATO APPROVATO, MA SENZA INVESTIMENTI IMPORTANTI SU FOTOVOLTAICO E COMUNITÀ ENERGETICHE NON ANDREMO DA NESSUNA PARTE”

Il consiglio regionale ha approvato questa mattina il Piano Energetico Ambientale Regionale (PEAR) che, nelle pretese, mira alla riduzione delle emissioni dannose per la salute e, al contempo, ad un maggiore utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili.
Obiettivi che il Movimento 5 Stelle condivide non fosse per la mancanza totale di ambizione di questo Piano, che non dà soluzioni concrete per fronteggiare il futuro fabbisogno energetico.
La nostra priorità, oggi, dovrebbe essere il forte incremento della nostra autonomia energetica. Basterebbe guardare quanto sta accadendo ai confini dell’Europa, con i conseguenti rincari che gravano sui cittadini, per capire in quale direzione andare. Dovremmo spingere l’acceleratore sulle fonti rinnovabili. In Piemonte sono ancora numerosi, infatti, i siti produttivi energivori privi di impianti fotovoltaici. Impianti che, tra le altre cose, sono caratterizzati per la rapidità d’installazione.
Sappiamo che il problema delle fonti rinnovabili riguarda la loro “intermittenza” e proprio per questo motivo è fondamentale lo stoccaggio, per non disperdere l’energia acquisita e averla pronta per l’uso nei periodi di carenza. Di tutto questo, nel PEAR, non si fa menzione.
Nel Piano si parla dell’idrogeno verde, una soluzione molto interessante ma che, al momento, non è assolutamente competitiva. Le nuove tecnologie permetteranno in futuro di ridurre i costi, ma nel mentre non possiamo stare a guardare. Il fotovoltaico è l’unica soluzione sostenibile per ridurre la dipendenza energetica da altre fonti, sia nel breve sia nel medio termine.
Le opportunità sono innumerevoli, dal credito d’imposta fino alla costituzione delle comunità energetiche (la prima, peraltro, nata proprio in Piemonte a Magliano Alpi). Per un privato i tempi di rientro per gli investimenti sono stimabili in 3-4 anni, con la possibilità di avere energia gratuita per i decenni successivi. Molti pannelli, inoltre, sono ormai garantiti 40 anni.
Senza il fotovoltaico non riusciremo mai a sostenere i costi per la produzione di idrogeno, ed è proprio per questo motivo che abbiamo deciso di esprimere voto non favorevole. Se queste sono le premesse, non andremo da nessuna parte. La transizione ecologica non rimarrà altro che un miraggio per il Piemonte e le sue imprese.

Sean Sacco, Capogruppo regionale M5S Piemonte

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Popolari