domenica, Giugno 26, 2022

M5S: “RSA, LA GIUNTA REGIONALE NON PUÒ AFFIDARSI ALLE COLLETTE MA DEVE PREVEDERE RISORSE CERTE PER TUTELARE I MALATI NON AUTOSUFFICIENTI”

Non basta una “colletta”, promossa anche dalla Regione Piemonte, per salvare le RSA piemontesi (Residenze sanitarie assistenziali) e tutelare i diritti dei malati non autosufficienti. 

Dalla Giunta regionale non ci aspettiamo un’adesione ad una colletta, ma lo stanziamento di risorse certe e adeguate e l’inserimento di nuovi ospiti all’interno delle strutture che hanno a disposizione posti letto convenzionati liberi, ancora troppi dall’era covid ad oggi.

Per questo motivo appoggiamo la battaglia del Coordinamento Sanità e Assistenza fra i movimenti di base e della Fondazione Promozione Sociale Onlus, due enti che hanno chiesto alla Regione Piemonte e alle Asl l’erogazione delle quote sanitarie per tutti i malati non autosufficienti ricoverati nelle strutture. Un diritto sancito per legge, a tutela dei più deboli. Investimenti che avrebbero un impatto positivo anche sull’occupazione dei posti letto, così da rendere più sostenibile la gestione delle Rsa che, dopo due anni di pandemia, hanno i conti in rosso. 

Questa crisi si protrae ormai da troppo tempo. Se non ci sarà un cambio di passo da parte della Regione molte Rsa saranno destinate alla chiusura, con inimmaginabili conseguenze sulle famiglie piemontesi.

Elisa Pirro, senatrice M5S, capogruppo in commissione igiene e sanità

Sean Sacco, Capogruppo regionale M5S Piemonte

Sarah Disabato, consigliera regionale M5S Piemonte

Ivano Martinetti, consigliere regionale M5S Piemonte

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Popolari