• giovedì , 3 Dicembre 2020
Ultime Notizie

Pericolo tenuta sociale, soffiare sul fuoco della protesta è da irresponsabili. Dal Decreto Ristoro pronti quasi 5 miliardi per le imprese

In momento storico in cui la tenuta sociale è a rischio, speculare sulla paura e soffiare sul fuoco è da irresponsabili. Chi ora si lamenta delle manifestazioni sfociate in devastazioni e saccheggi dovrebbe essere più cauto nell’attribuire responsabilità a sedicenti infiltrati. 

Dai no mask alle rivolte contro la “dittatura sanitaria” è un attimo. E Fratelli d’Italia, i cui esponenti hanno tirato le fila della manifestazione di Torino, dovrebbe esserne consapevole. 

Non sono quindi più accettabili le tensioni a cui quotidianamente dobbiamo assistere, con scaricabarile da parte delle istituzioni e sciacallaggio politico da parte di alcune forze politiche. Oggi è il momento della responsabilità. C’è tanta preoccupazione tra le persone, noi siamo vicini ai commercianti e alle categorie danneggiate dalla pandemia, ma ci opporremo ad ogni strumentalizzazione politica delle piazze e ad ogni tentativo di alimentare le tensioni.

Sul tavolo del Consiglio dei Ministro è comunque al varo un importante pacchetto di interventi di sostegno per quasi 5 miliardi con contributi a fondo perduto per circa 230 mila imprese. Nel pacchetto verrà inserita anche una prima proroga della Cassa integrazione Covid per 1,6 miliardi di euro.

Ci sarà il ripristino del credito di imposta sugli affitti commerciali per i mesi di ottobre e novembre, la cancellazione della seconda rata Imu del 16 dicembre, la ripetizione dell’indennità mensile una tantum per gli stagionali del turismo, dello spettacolo e dello sport e per i lavoratori intermittenti.

Nel pacchetto si aggiungerà inoltre una mensilità del reddito di emergenza per garantire una rete di protezione anche chi non ha accesso alla cig o ad altri sussidi.

Per il futuro auspichiamo che si apra invece una profonda riflessione sull’importanza degli investimenti sulla sanità pubblica, depauperata da decenni di tagli e oggi impreparata di fronte alla pandemia 

Post correlati