domenica, Maggio 9, 2021

Frediani (M5S): smart working strumento da sostenere e diffondere nelle aziende. La politica dia il buon esempio


Se l’Italia vuole diventare un paese moderno e vivibile deve affrancarsi dal vecchio modello organizzativo del lavoro: tutti in ufficio, tutta alla stessa ora. Con le inevitabili conseguenze su traffico e smog.
Il Covid19 ci sta infatti costringendo a ripensare il nostro modo di lavorare, mettendo al centro l’efficienza e gli obiettivi, ma anche la conciliazione dei tempi di vita e lavoro.
Anche se ci sono lavori che necessariamente si devono svolgere in presenza, magari perché legati a processi produttivi, moltissime attività potrebbero essere svolte in smart working, dotandosi di adeguati strumenti.
Secondo uno studio del Sole24ore il 24% della forza lavoro nazionale può essere potenzialmente impiegata in smart working. Le conseguenze positive sono sotto la lente d’ingrandimento della comunità scientifica: migliaia di tonnellate di CO2 risparmiate, maggiore flessibilità e produttività con un conseguente aumento degli spazi e dei tempi disponibili dai lavoratori per la famiglia e le attività quotidiane.

Non bisogna quindi pensare allo smart working come un benefit dato dall’azienda al lavoratore: questa modalità di lavoro, se applicata nei modi corretti, porta benefici all’intero processo produttivo e alla comunità.
Il mondo della politica non deve sottrarsi a queste riflessioni, mettendo in discussione anche le proprie modalità di lavoro e valutando la possibilità di intervenire anche nell’ottica di riduzione dei costi della politica.

Nella politica si discute, ci si confronta e si vota. Tutto ciò è realizzabile  usufruendo di tutti gli strumenti tecnologici a disposizione. E’ quello che si sta facendo da mesi senza mai interrompere l’attività, anche e soprattutto quella legislativa del Consiglio. Garantendo trasparenza e anche la partecipazione agevole dei rappresentanti dei territori più lontani, modulando l’alternanza tra attività in presenza e attività in aula.
La direzione è tracciata nonostante la resistenza della vecchia classe politica e dirigenziale. Leggasi le dichiarazioni del capogruppo a Torino Lorusso che esorta a riaprire tutte le aule per dare il “buon esempio”, perché chi “non è grado di far riunire l’assemblea consiliare, figurarsi il resto”. Con buona pace del “lavoro intelligente”.

Francesca Frediani, Consigliere Regionale M5S Piemonte

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Popolari