giovedì, Luglio 29, 2021

BENE INCONTRI AL MINISTERO PER IL PROGETTO PORTA DEL CANAVESE. NECESSARIO RICOLLEGARE CHIVASSESE EPOREDIESE E MONFERRATO

Proseguono gli incontri al Ministero dei Trasporti per analizzare i benefici, trasportistici e socio economici, di una fermata a Chivasso (Porta del Canavese) del collegamento ad alta velocità sull’asse Torino Milano.
Una proposta che la politica deve ascoltare per ricucire il divario tra grandi città e territori del Piemonte, aree dimenticate e marginalizzate dopo la chiusura di 12 linee in tutta la Regione da parte dei governi regionali di destra e sinistra.
Il progetto “Porta del Canavese” punta ad offrire una mobilità sostenibile non solo a Chivasso ma ad un’ampio territorio che andrebbe dal Canavese alla Val d’Aosta passando per  Monferrato ed ovest vercellese.
E’ necessario inoltre ampliare lo studio di una possibile fermata AV a Chivasso. L’attuale indagine commissionata dalla Regione a Siti si limita a stimare gli utenti in base alla popolazione attuale ignorando le  possibili ricadute socio – economiche.
Vogliamo portare questo approccio ad una visione di sistema per far rivivere tutti i territori piemontesi, oggi  depressi, rendendoli la vera ricchezza della nostra regione.
Federico Valetti, Consigliere regionale M5S Piemonte
Vicepresidente Commissione regionale Trasporti
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Popolari