domenica, Aprile 14, 2024

EUROFIDI, SOLO 27 DIPENDENTI SALVATI SU 215. DE SANTIS CERTIFICA IN COMMISSIONE IL FALLIMENTO DELLA GIUNTA. I LAVORATORI PAGANO IL PREZZO DI SCELTE POLITICHE FOLLI

Pessime prospettive per i 215 dipendenti Eurofidi (Consorzio Fidi della Regione Piemonte), resteranno quasi tutti senza lavoro. Appena 27 di loro sono stati ricollocati, di questi 12 in Soris e gli altri 15 presso altre aziende. Per tutti gli altri si apre un cupo periodo di incertezza lavorativa: 76 sono stati licenziati, 68 dimessi in accordo con il Consorzio e 44 cesseranno il rapporto lavorativo al termine delle procedure di liquidazione. Appena 28 di questi ultimi, residenti in Piemonte, saranno presi in carico dall’Agenzia Piemonte Lavoro. Sono i numeri comunicati oggi in terza commissione regionale dove abbiamo chiesto all’assessore con delega alle partecipate De Santis informazioni sul destino dei dipendenti Eurofidi. L’informativa di De Santis certifica l’ennesimo fallimento della Giunta Chiamparino.

Il caso Eurofidi è emblematico. Ancora una volta i disastri della politica regionale, di destra e sinistra, ricadono sui lavoratori. Gli amministratori regionali, passati e presenti, sono rimasti ad assistere al tracollo del Consorzio senza presentare alcun serio piano di rilancio o di ricollocazione per arginare un crack causato da persone indicate dagli stessi politici a guidare il consorzio. Centrodestra e centrosinistra si sono rimpallati a vicenda le responsabilità ma a pagare il conto, adesso, sono solo i lavoratori.

Francesca Frediani, Capogruppo regionale M5S Piemonte

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Popolari