• venerdì , 7 Agosto 2020
Ultime Notizie

No compensazioni, no party


Ennesimo esempio illuminante di come intendono la politica destri e sinistri. Stara di Insieme Per Bresso, uno degli ultimi dei mohicani del doppio incarico (è anche presidente della Circoscrizione 2), dopo aver indetto il consiglio straordinario del 14 luglio, si fa portavoce di un ODG che chiede a gran voce il rifinanziamento delle opere di compensazione dell’inceneritore di Torino, (finanziamenti temporaneamente stoppati dall’assessore Ravello ), con il placet di tutto il consiglio regionale, movimento 5 stelle, ovviamente, escluso.
Distribuire milioni di euro sul territorio per compensare l’inquinamento dei suoli e della catena alimentare e la riduzione di vita dei torinesi con piste ciclabili e alberelli ovviamente rende molto in termini di voti e questo è spiegato benissimo dal nostro affezionato Boeti-PDmenoL: loro ci han provato a spiegare ai cittadini che “i rifiuti sono una risorsa”, ma il cattivone Saitta, presidente della Provincia, ha deciso per tutti e quindi è un obbligo per tutti gli amministratori locali ubbidire (!). Ben vengano quindi le compensazioni se no vai a tenerli buoni i cittadini, i sindaci resterebbero soli e con qualche cicatrice in più. Comba-PDL, presidente della Commissione V invita a parlare di cose “non effimere” (si sa che prima o poi tutti si muore) e Ravello risponde che finchè i rifiuti non si potranno mettere in banca, ritiene più conveniente bruciarli per produrre meno energia di quella che si è spesa per estrarre le materie prime, lavorarle, costruire le merci, distribuirle (un non senso tipico dei nostri tempi). Non sa che recuperare la materia e rimetterla sul mercato è molto più redditizio e carbon-neutral? Non ci è data risposta. Chiude il siparietto un meno affezionato Boeti che pretende di insegnarci come usare la Rete per stare vicino a quei elettori che non votano più né PDmenoL né PDL…a me ha convinto poco? A voi?

Post correlati