• martedì , 2 Giugno 2020

SACAL CARISIO, ANDRISSI (M5S): “SUPERAMENTI ANOMALI DEI LIMITI POLICLOROBIFENILI LEGITTIMATI DALLA REGIONE A GUIDA PD. L’ASSESSORE ALL’AMBIENTE VALMAGGIA EVITA LE NOSTRE DOMANDE”

Inquinamento area SACAL di Carisio, la Giunta Chiamparino non parla. Nessuna risposta alle nostre domande poste oggi in Consiglio regionale dove abbiamo chiesto conto della provenienza dei Poli Cloro Bifenili (PCB) ovvero tra gli inquinanti organici più persistenti in ambiente, rilevate da Istituto Zooprofilattico To, ASL Vercelli e Arpa Piemonte nei pressi dello stabilimento. L’assessore all’ambiente Valmaggia ha tranquillamente letto pezzi di autorizzazione dell’impianto e gli esiti degli studi condotti. Verrebbe da pensare che i PCB piovano dal cielo o si trovino in natura “allo stato brado” a giudicare dalla risposta del titolare dell’Ambiente in Piemonte. Invece, molto spesso, sono il risultato dello smaltimento non autorizzato di talune tipologie di rifiuti che non dovrebbero essere presenti in una fonderia di seconda fusione e neanche in Italia, essendo stati messi progressivamente a bando dagli anni ‘70. Purtroppo un copione recitato dalla Giunta PD già visto con il silenzio per i risultati degli epidemiologici relativi all’Inceneritore di Vercelli.

I dati sono allarmanti, siamo di fronte ad una vera e propria emergenza ambientale e sanitaria volutamente ignorata. Le rilevazioni a deposi metro di PCB e diossine/furani arrivano a 17 volte la dose massima di tossicità giornaliera tollerabile dall’organismo umano. La stessa amministrazione comunale ha vietato il consumo di ortaggi e uova prodotti nelle vicinanze dopo aver commissionato uno studio epidemiologico che metteva in evidenza il rischio sanitario per gli utilizzatori in maniera continuativa di prodotti contaminati.

A ciò si aggiungono i dati allarmanti di precedenti studi ARPA che evidenziano un incremento a Carisio di tumori celebrali e per la frazione crocicchio di incrementi di neoplasie per micloma, colon – retto, polmone, pancreas e apparato digerente.

Continueremo a tenere alta l’attenzione sull’inquinamento rilevato nei pressi della SACAL di Carisio nonostante le pressioni ricevute, in questi giorni, per non presentare l’interrogazione.

Gianpaolo Andrissi, Consigliere regionale M5S Piemonte

Post correlati