• martedì , 22 Settembre 2020
Ultime Notizie

NONOSTANTE APPROVAZIONE DEL PIANO, TUTELA AREE DI RICARICA FALDE PROFONDE ANCORA LONTANA

Sono passati ormai 14 mesi dall’approvazione dell’ordine del giorno 799 che impegnava la giunta regionale a “realizzare entro 180 giorni l’individuazione dei vincoli e delle misure relative alle zone di protezione delle acque destinate al consumo umano attenendosi al principio di precauzione” e nulla ancora è stato deliberato. Nonostante le richieste provenienti dalle associazioni dei comuni alessandrini e della Valledora, dalla città metropolitana e dalla provincia di Vercelli di porre dei vincoli alle aree di ricarica al fine di vietare nuove discariche o ampliamenti e attività rischiose per l’ambiente, l’assessore Valmaggia, rispondendo alla mia interrogazione sulla tutela delle aree di ricarica e degli acquiferi, fa “melina” e per quanto garantisca di voler adottare i provvedimenti già approvati, non porta alcuna rassicurazione né sui tempi né sui modi con cui vorrebbe attuarli. 
 
Nel luglio del 2016 erano state pubblicate le mappe delle aree di ricarica e dai territori e dai Comuni coordinati erano giunte richieste puntuali per ottenere prescrizioni al fine di tutelare le aree di ricarica dell’acqua: inquinare lì significa contaminare le falde profonde da cui viene prelevata la nostra acqua potabile. 
 
Il vago impegno non può essere più tollerabile: monitoreremo e torneremo alla carica sia in aula che in commissione per chiedere tempi e modalità certi.
 
Gianpaolo Andrissi, Consigliere Regionale M5S Piemonte

Post correlati