• martedì , 27 Ottobre 2020
Ultime Notizie

GRUPPO M5S: "BASTA SOGET – I COMUNI SI RIPRENDANO IL SERVIZIO DI RISCOSSIONE TRIBUTI"

Da alcuni anni gli organi di stampa pubblicano notizie riguardanti le
attività della società SO.G.E.T. S.p.A, società che si occupa in varie
regioni d’Italia di riscossione coattiva delle entrate tributarie ed
extratributarie. Dalle notizie pubblicate si apprende che il Direttore
Generale è stato denunciato per truffa ai danni dello Stato per gravi
violazioni nel settore esattoriale privato nelle riscossione dei tributi
locali ( esposti che decorrono dal 2012), false inesigibilità del credito
con danno ai comuni, che avevano appaltato a SOGET la riscossione coattiva
delle entrate, per circa 36milioni di euro. In particolare si cita
l’inchiesta della Procura di Pescara in cui il Direttore Generale della
stessa società è indagato per truffa insieme ad un altro Dirigente. Secondo
la Procura di Pescara la SO.G.E.T. S.p.A. avrebbe disposto revoche di
pignoramenti a politici e amministratori pubblici, in particolare nelle
Regioni in cui opera la società (Abruzzo, Campania, Marche, Molise, Puglia,
Calabria, Piemonte e Lombardia). Gli organi di stampa riportano anche le
gravi violazioni della SO.G.E.T. S.p.A. nel settore esattoriale privato per
riscossione dei tributi locali con riscossione illegittima ai danni dei
contribuenti più volte denunciato anche dagli Ufficiali della Riscossione e
Funzionari Responsabili della Riscossione. I reati ipotizzati sono gravi e
a danno della collettività. Non mancano anche denunce per gravi vessazioni
a carico di Ufficiali delle riscossioni e funzionari che dissentivano dagli
ordini della direzione e che sono stati intimiditi e vessati
psicologicamente nei luoghi di lavoro.

Con queste premesse… cosa accade nel panorama piemontese? Accade che
l’Unione NET (Unione dei Comuni Nord Est Torino) nel mese di marzo 2015 ha
proceduto ad aggiudicare, in via definitiva, la gestione del servizio di
riscossione coattiva delle entrate tributarie ed extra tributarie, per un
periodo di anni quattro rinnovabili (previa verifica) di altri quattro
proprio a SO.G.E.T. S.p.a. (Società di Gestione Entrate e Tributi). I
Comuni di Borgaro Torinese, Caselle Torinese, Leini, San Mauro Torinese,
Settimo Torinese e Volpiano, avendo individuato NET quale stazione unica
appaltante, stanno man mano deliberando per l’affido del servizio di
riscossione alla società. Le gravi vicende giudiziarie di questa società
non avrebbero dovuto darle particolari chance nella gara di appalto, gara
invece vinta per i prezzi concorrenziali che la società ha garantito, con
un aggio proposto dall’Unione NET pari al 16% e un abbattimento al 12,25%
proposto da SOGET.

Distrazione o scelta di comodo? Ci chiediamo se l’Unione dei Comuni NET e i
comuni che hanno affidato il servizio riscossione a questa società, fossero
a conoscenza delle vicende giudiziarie della stessa. Ci chiediamo inoltre
come mai il comune di Caselle abbia potuto deliberare l’affidamento
nonostante la SOGET non avesse ancora prodotto il certificato antimafia e
se abbiano seguito la stessa procedura anche gli altri comuni. Ed infine ci
chiediamo perché i Comuni, ai sensi della normativa vigente (D.L: n.
70/2011) non vogliano occuparsi direttamente della riscossione diretta, che
permetterebbe una valutazione soggettiva delle condizioni del contribuente,
evitando in primo luogo di mettere i cittadini nelle mani di società il cui
unico interesse è quello di lucrare sulla vita delle persone, e soprattutto
evitando di avere rapporti istituzionali con società le cui attività sono
riportare nei registri della Procura. Altro che morale ed etica delle
Istituzioni… peccato perché tutto ciò non dovrebbe accadere dentro le
amministrazioni votate dai cittadini.

Gruppo Consiliare M5S Città Metropolitana di Torino
Marco Marocco e Dimitri De Vita

Gruppi Consiliari M5S di Borgaro Torinese, Caselle Torinese, Leini, Settimo
Torinese

Post correlati

Commenti chiusi.