TAV, Frediani (M5S): “Legittima richiesta dell’unione Valle di Susa, il progetto è stravolto. Serve una nuova valutazione di impatto ambientale, la Regione si attivi”

Susa è destinata ad ospitare migliaia di tonnellate di materiale di scavo proveniente del TAV, e Telt vorrebbe cavarsela con una mini variante al progetto.

Ma in questo modo il progetto è completamente stravolto, quindi serve una nuova Valutazione di Impatto Ambientale come richiesto oggi dall’Unione montana Valle Susa al Ministro De Micheli.

E’ necessario quindi che il Ministero dei Trasporti e la Regione Piemonte si attivino per sospendere le operazioni nel cantiere di Chiomonte e procedere alla Valutazione di Impatto Ambientale. Una valutazione che, evidentemente, dovrà tenere conto degli effetti devastanti sulla salute dei cittadini della Valle di Susa e sull’ambiente.

Ne chiederemo nuovamente conto in Consiglio regionale affinché la Regione faccia la propria parte per procedere all’avvio della Valutazione.

Francesca Frediani, Consigliere regionale M5S Piemonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *